Teatro Romano di Orange

La ricerca non ha restituito un risultato.

Suggerimenti:
Assicurati che tutte le parole siano corrette.
Prova altre parole chiave.
Prova con parole chiave più generiche.
Prova un periodo di tempo più lungo.

Se non riesci a trovare l'evento che stai cercando, inviaci un'email all'indirizzo office@europaticket.com e faremo tutto il possibile per trovarlo per te.

Situato nel cuore della Valle del Rodano, il Teatro Romano di Orange è senza dubbio uno dei migliori resti dell'Impero Romano. Eccezionale testimonianza dell'antica Roma e parte della lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO, è il teatro meglio conservato in Europa.


Deve la sua fama, in particolare, alla sua magnifica parete di palcoscenico, incredibilmente ben conservata e unica nel mondo occidentale. Sede di spettacoli in epoca romana, continua ancora oggi in questo ruolo, per la gioia degli amanti della musica di tutto il mondo.


Il muro più bello del mio regno". Così Luigi XIV descriveva l'imponente facciata del teatro, lunga 103 metri, spessa 1,80 metri e alta 37 metri.


La facciata esterna è suddivisa su tre livelli. Il primo è composto da tre porte che si aprono sul palcoscenico e da porte secondarie che si aprono sui corridoi o sulle stanze che non hanno accesso all'interno. Al secondo livello, la parete è priva di decorazioni. Si possono vedere le mensole in pietra che sostenevano la struttura del tetto e una profonda scanalatura, i resti dell'ancoraggio delle tegole sul tetto. 


Un porticato cieco sulla parete impreziosisce il terzo livello. Ad eccezione dell'arco centrale e degli archi posti in linea con le basiliche (torri posizionate ai lati del palcoscenico), ognuno ha una cavità che lascia entrare la luce nel passaggio situato all'interno del muro. In alto, due file di 43 mensole sostengono il velum, un grande baldacchino in tela che proteggeva gli spettatori dal sole e dalla pioggia.


La parete del palcoscenico è stata molto importante in quanto ha contribuito alla corretta progettazione del suono e ha costituito l'unico elemento decorativo architettonico del teatro. Durante lo spettacolo non è cambiato, ma sono stati installati elementi mobili e puntelli per creare l'illusione del movimento, dello spazio e della prospettiva. 


La sua altezza originale di 37 metri è stata interamente conservata. La parete è stata riccamente decorata con lastre di marmo multicolore, statue in nicchie, fregi e colonne. Nel 1931, gli scavi sotto il palcoscenico hanno permesso di riportare le colonne attualmente esistenti nella loro posizione originale. In origine erano 76. 
Anche il muro del palcoscenico è disposto su tre livelli. Al centro del primo livello si trova la Porta Reale o valva regia. 


Riservato agli attori principali, era sormontato da un fregio decorato con centauri, i cui resti sono esposti al Museo dell'Arancia. Questa porta è circondata da nicchie ornate di statue. La nicchia centrale ospita la statua imperiale di Augusto, alta 3,55 metri. Questa nicchia conteneva quasi certamente una rappresentazione di Apollo ed è probabile che l'imperatore trionfante sia stato sostituito solo in un momento successivo. La statua è vestita con uno stemma generale, il paludamentum imperatoris, e tiene in mano il suo bastone. Serve a ricordare che per preservare la pace in tutto l'Impero Romano tutti devono rispettare le sue leggi.
Più strette, le porte laterali chiamate porte "ospitali" erano utilizzate per gli ingressi e le uscite degli attori. Il secondo e il terzo livello, costituito da colonne, sono puramente decorativi.