Auditorium Santo Stefano

Concerti in chiesa
Firenze - Auditorium Santo Stefano
Prestazione successiva: Me 23 Ott 2019, 20:30-22:00

Il magnifico Auditorium Santo Stefano si trova nel cuore di Firenze, vicino al famoso e unico ponte vecchio. 


E' facilmente raggiungibile a piedi percorrendo via por Santa Maria, una delle vie più eleganti e centrali del centro di Firenze, che collega piazza della Repubblica con il Ponte Vecchio.


Santo Stefano è una delle prime chiese di Firenze. Fu documentato per la prima volta intorno al 1116, ma probabilmente fu costruito molto prima. Costruita originariamente in semplice stile romanico, in seguito fu ampliata e restaurata in stile gotico e barocco.
Nel 1986 fu dismesso a causa dello spopolamento del centro città.


Nel corso dei secoli, per molte volte Santo Stefano è stato oggetto di alcuni restauri. Passato agli Agostiniani nel 1585, fu ristrutturato e abbellito, grazie al sostegno finanziario delle più importanti famiglie fiorentine, come Bartolommei, Lamberti, Girolami, Riccomanni, Tolomei-Gucci e Gherardini, che contribuirono alla decorazione interna della chiesa. Nel corso del XV secolo, fu costruita la corte adiacente alla Chiesa, che poneva alcune lapidi in pietra serena. Poiché Firenze fu la culla del Rinascimento, fu proprio per molte delle chiese e cappelle di famiglia che magnifiche opere d'arte furono commissionate ai più grandi artisti di tutti i tempi.


La facciata conserva l'aspetto romanico nella parte inferiore, mentre le tre monofore nella parte superiore furono aggiunte tra il XIII e il XIV secolo, insieme all'ingresso principale, sormontato da una lunetta rotonda, in marmo bianco e verde di Prato.


Le altre due porte più piccole a destra e a sinistra, hanno dimostrato che all'inizio la chiesa doveva essere una chiesa a tre navate invece che a una sola navata centrale come oggi.


Tra il 1631 e il 1641 il coro e la cripta furono rielaborati con poche modifiche, insieme all'interno che fu ristrutturato in stile barocco, probabilmente su progetto dell'architetto Tacca, oltre che su suggerimento del Bartolommei. Nel corso del XVII secolo furono aggiunti anche gli altari dei due lati opposti.


All'interno troviamo bellissimi capolavori, tra cui la particolare scalinata del Buontalenti, con balaustra marmorea del 1574, proveniente da Santa Trinità; l'altare piallato dal Giambologna nel 1591; numerosi dipinti e crocifissi rinascimentali.


Nel 1783 a Santo Stefano si aggiunse la demolita chiesa di Santa Cecilia, dalla quale ricevette diverse decorazioni interne e pitture che ancora conserva; per questo motivo il 14 ottobre 1787 fu ribattezzata "Chiesa di Santo Stefano e Santa Cecilia" dall'arcivescovo Martini.
La chiesa fu in gran parte danneggiata durante la seconda guerra mondiale, così come nel 1966 a causa dell'alluvione, e almeno nel 1993 a causa dell'attentato in via georgofoli.


Finalmente restaurato alla fine degli anni '90, oggi, grazie ai suoi magnifici interni decorati e alla sua perfetta acustica, l'Auditorium è il luogo ideale per vivere un'esperienza indimenticabile tra Arte, Architettura e Musica a Firenze.