Tosca

Acquista biglietti
Ottobre 2020 Next
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Tosca - Melodramma in 3 atti;
Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica basato sul dramma La Tosca di Victorien Sardou; Prima effettuata il 14 gennaio 1900 a Roma; Ha debuttato alla Deutsche Oper di Berlino il 13 aprile 1969
Giacomo Puccini (1858 - 1924)
In italiano con tedesco e inglese surtitlesGiacomo Puccini (1858 - 1924)

Di Puccini "La tortura Opera", come Oskar Bie ha definita, è basata su LA TOSCA, il gioco ben accolto da Victorien Sardou [1831-1908], che ha debuttato a Parigi nel 1887 con Sarah Bernhardt nel ruolo del titolo. Puccini partecipato ad una rappresentazione teatrale a Milano nel corso di un 1889 giro e ha trovato l'argomento interessante, anche se il progetto Tosca doveva rimanere inattivo per altri sei anni. L'interesse di Puccini nel lavoro è cresciuto, senza dubbio spinto da un'altra visione del Sardou giocare a Firenze e dal lavoro di Luigi Illica su un libretto TOSCA di compositore Alberto Franchetti [1860-1942]. A seguito di una "cospirazione" tra Puccini, Illica e Ricordi, l'editore convinse successo Franchetti di abbandonare il suo progetto TOSCA e di cedere i diritti punteggio a Puccini.

Come in tutte le altre opere di Puccini TOSCA ampiamente dimostra la causalità reciproca tra attenzione umana e piacere culinario quando intenzione artistica del compositore diventa il punto di riferimento per interpretazioni. Il clamore e la rassegnazione sono i due presupposti fondamentali per l'attenzione umana pagati da Puccini: Il empatia riflette nella sua composizione, lungi dal accontentandosi con gesti astratti, mira a disturbare e trasformare. Le "piccole cose" - Puccini si riferisce a loro con eufemismo moderno come il suo obiettivo preferito di attenzione - diventano "grandi questioni", a condizione che noi vogliamo che questo accada.
In considerazione della connessione tra la scelta di Puccini della materia (direttamente e indirettamente ispirato da Zola, Hauptmann e Gorki) e il suo metodo di composizione è naturale che noi incoroniamo successore di lui Verdi e conferirle il badge di "verismo". Egli è noto per essere stato un grande ammiratore di Wagner e tutt'altro che un imitatore di seconda categoria. Ha creato un legame molto personale con Verdi e Wagner prendendo ispirazione da entrambi i maestri. Ha preso tutti i loro parametri di armonia e di sfumature di strumentazione ed è riuscito a staccare la voce un po 'dall'orchestra, il tutto mentre dandogli un Accompagnato molto più frammentato e melodicamente sensibile nell'orchestra del Verdi radicale e laconico mai avuto. Questo si riflette anche nel tema estetico della Tosca. Dichiarazione musicale di Puccini è tanto brutale quanto è tenero, intelligente come è sentimentale, tanto preciso quanto è sognante. Parole d'ordine di Puccini sono l'autenticità, la precisione del dettaglio musicale, consapevolezza sociale, il suono poetico della apparentemente banale, eroismo accoppiato con accortezza, il contrasto tra l'impegno appassionato e lontananza freddo.

Il capo della polizia Scarpia, la cantante Floria Tosca e il pittore Cavaradossi in modi diversi, tutti insistono sulla loro libertà personale di agire a loro piacimento - Scarpia come condizione per la sua pretesa di potere, Cavaradossi nella sua voglia di ribellione per portare avanti il ​​cambiamento e Tosca come espressione di una pianura, amore senza limiti.

In un momento di cambiamento epocale tali atteggiamenti assumono un significato esemplare. A seconda di come vediamo Puccini e noi oggi, possiamo avvicinarci TOSCA come schlocker romantico o come un cattivo presagio per la libertà. Qualunque sia il nostro atteggiamento, ognuno di questi molto diversi individui nel rapporto triangolare paga il prezzo più alto per le sue azioni. Le loro morti non sono accompagnati da un alone glorioso marcata Redenzione; sono amari, orribile, definitiva.

 

Programma e cast

Melodramma in 3 atti
Libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica
basato sul dramma LA TOSCA di Victorien Sardou
Rappresentata per la prima volta il 14 gennaio 1900 a Roma
Presentato in anteprima al Deutsche Oper di Berlino il 13 aprile 1969


Raccomandato da 13 anni in poi

In italiano con sottotitoli in tedesco e inglese

3 ore 15 minuti / 2 intervalli di tempo


Direttore d'orchestra: Donald Runnicles

Direttore: Boleslaw Barlog

Scenografia, Costume-design: Filippo Sanjust

Maestro del coro: Thomas Richter

Coro dei bambini: Christian Lindhorst

Tosca: Nina Stemme

Mario Cavaradossi: Fabio Sartori

Scarpia: Ambrogio Maestri

Angelotti: Samuel Dale Johnson

Sacrestano: Padraic Rowan

Spoletta: Andrew Dickinson

Sciarrone: Patrick Guetti

Chiavi in mano: Byung Gil Kim

Coro: Kinderchor der Deutschen Oper Berlin
Chor der Deutschen Oper Berlino

Orchestra: Orchester der Deutschen Oper Berlin

La Deutsche Oper Berlin

La Deutsche Oper Berlin è una compagnia d'opera situata nel quartiere berlinese di Charlottenburg, Germania. L'edificio residente è il secondo più grande teatro lirico del paese e anche la sede del Balletto di Stato di Berlino.

La storia dell'azienda risale agli Opernhaus Deutsches costruiti dalla città allora indipendente Charlottenburg-la "città più ricca di Prussia", secondo i piani progettati da Heinrich Seeling dal 1911. Ha aperto il 7 nov 1912 con una performance di Fidelio di Beethoven, condotto da Ignatz Waghalter. Dopo l'incorporazione di Charlottenburg dal 1920 Grande Berlino Act, il nome dell'edificio residente è stato cambiato a Städtische Oper (Municipal Opera) nel 1925.

Deutsches Opernhaus, 1912
Con il Machtergreifung nazista nel 1933, l'opera era sotto il controllo del Ministero della Pubblica dell'Illuminismo e Propaganda del Reich. Ministro Joseph Goebbels aveva il nome cambiato di nuovo al Deutsches Opernhaus, in competizione con il Berlin State Opera a Mitte controllato dal suo rivale, il prussiano ministro-presidente Hermann Göring. Nel 1935, l'edificio è stato ristrutturato da Paul Baumgarten e il salotto ridotta 2300-2098. Carl Ebert, il direttore generale della seconda guerra pre-mondiale, ha scelto di emigrare dalla Germania piuttosto che avallare la visione nazista della musica, e ha continuato a collaborare -ha trovato l'Opera Festival di Glyndebourne in Inghilterra. Egli fu sostituito da Max von Schillings, che ha aderito a emanare opere di "carattere tedesco puro". Molti artisti, come il direttore d'orchestra Fritz Stiedry o il cantante Alexander Kipnis seguiti Ebert in emigrazione. Il teatro fu distrutto da un raid aereo della RAF, il 23 novembre 1943. Spettacoli continuato al Admiralspalast a Mitte fino al 1945. Ebert restituito come direttore generale dopo la guerra.

Dopo la guerra, la società in quello che ormai era Berlino Ovest utilizzato il vicino edificio delle Theater des Westens fino a quando il teatro è stato ricostruito. Il design sobrio di Fritz Bornemann è stata completata il 24 settembre 1961. La produzione di apertura era Don Giovanni di Mozart. Il nuovo edificio inaugurato con il nome attuale.

© Günter Karl Bose
© 2013 // Marcus Lieberenz
© Bettina Stöß
© 2013 // Marcus Lieberenz
Eventi correlati