La figlia del reggimento

Acquista biglietti
Gennaio 1970
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Sinossi

Tempo: Le guerre napoleoniche, all'inizio del 19 ° secolo

Luogo: Il Tirolo svizzero


atto 1

Lotta infuria nella tirolese e la marchesa di Birkenfeld, che sta viaggiando nella zona, è allarmato al punto di aver bisogno sali da somministrare dal suo amministratore fedele, Ortensio. Mentre un coro di abitanti esprimono la loro paura, la marchesa fa lo stesso: Pour une femme de mon nom / "Per una donna della mia famiglia, quello che un tempo, ahimè, è tempo di guerra". Come il francese può essere visto allontanarsi, tutti esprimono il loro sollievo. Improvvisamente, e provocando la paura dei restanti donne che disperdono, il sergente Sulpice del XXI Reggimento dell'esercito francese [nella versione italiana è l'undicesima] arriva e assicura a tutti che il reggimento sarà ristabilire l'ordine.

Marie, la vivandiera (mensa ragazza) del Reggimento, entra, e Sulpice è felice di vederla: (Duetto: Sulpice e Marie:?? Mais, qui vient Tiens, Marie, fil notre / "Ma chi è questo Bene, bene , se non è nostra figlia Marie") Poi, mentre mette in dubbio la sua su un giovane uomo che è stato visto con, lo identifica come Tonio, un tirolese [nella versione italiana: Swiss].. In quel momento, Tonio è portato come prigioniero, perché è stato visto aggirarsi intorno al campo. Marie lo salva dai soldati, che chiedono che deve morire, spiegando che le aveva salvato la vita quando lei quasi cadde mentre alpinismo. Tutti brindisi Tonio, che impegna fedeltà a Francia e Marie è invitato a cantare la canzone del reggimento: (Aria: Chacun le sait, chacun le dit / "Tutti lo sanno, tutti dicono che"). Sulpice conduce i soldati fuori, prendendo Tonio con loro, ma corre di nuovo a unirsi a lei. Lei gli dice subito che deve ottenere l'approvazione dei suoi "padri": i soldati del Reggimento, che l'ha trovata sul campo di battaglia come un bambino abbandonato, e la sua adozione. Scettico sul motivo per cui Tonio è tornato, egli proclama il suo amore per lei (Aria, poi l'amore duetto con Marie: Depuis L'Ou istante, dans mes bras / "Da quel momento in cui sei caduto e / ti ho preso, tutto tremante le mie braccia ... ") e poi la coppia esprimere il loro amore per l'altro.

A quel punto, Sulpice ritorna, sorprendendo la giovane coppia che lasciano. La marchesa arriva con Ortensio, inizialmente paura del soldato, ma è calmato da lui. La marchesa spiega che stanno cercando di tornare al suo castello e chiede una scorta. Quando sente il nome Birkenfeld, Sulpice riconosce immediatamente da una lettera trovata con Marie come un bambino. Si è scoperto che la nipote tempo perduto della marchesa è in realtà Marie, che torna ed è sorpreso di essere introdotto per la zia. I comandi marchesa che Maria accompagnarla e che verrà insegnato ad essere una signora corretta. Marie dice addio al suo amato reggimento proprio come Tonio entra proclamando che egli ha arruolato nelle loro file: (Aria: Ah mes amis, quel jour de fête / "Ah, i miei amici, che cosa una giornata emozionante".) Nel proclamare il suo amore per Marie, i soldati sono sconvolti, ma sono d'accordo alla sua supplica per la sua mano. Tuttavia, gli dicono che lei è in procinto di partire con la zia: (Marie, Aria: Il faut partir / "ti devo lasciare!"). In un finale corale in cui tutti si uniscono, si lascia con la marchesa e Tonio è infuriato.

Act 2

 

Marie ha vissuto nel castello della marchesa per diversi mesi. In una conversazione con Sulpice, la marchesa descrive come lei ha cercato di modificare la maggior parte dei suoi modi militari e il suo fare in una signora della moda, adatto a lei di sposarsi al nipote, il duca di Krakenthorp. Anche se riluttante, Marie ha concordato e Sulpice è chiesto di incoraggiarla. Marie entra e viene chiesto di suonare il pianoforte, ma sembra preferire musica più marziale quando incoraggiati da Sulpice e canta la canzone del reggimento. La marchesa si siede al pianoforte e tenta di lavorare attraverso il pezzo con Marie, che diventa sempre più distratto e, insieme a Sulpice, riprende la canzone del reggimento.

Marie è rimasto solo: (Aria: Par le squillò et par l'opulenza / "Hanno tentato invano di stupire me"). Mentre è quasi riconciliata al suo destino, sente la musica marziale, ed è gioiosamente felice: (Cabaletta:!!! Oh oh trasporto douce ivresse / "Oh oh beatitudine estasi!!") E il Reggimento arriva. Con esso è Tonio, ora un ufficiale. I soldati esprimono la loro gioia nel vedere Marie, e Marie, Tonio e Sulpice sono gioiosamente riuniti, anche se cerca di dirle qualcosa che non sa, ma viene ignorato: (Trio, Marie, Sulpice, Tonio: Tous les trois réunis / "Noi tre sono riuniti "). La marchesa entra, inorriditi nel vedere i soldati. Tonio chiede la mano di Marie, spiegando che ha rischiato la vita per lei: (Aria, Tonio: Pour me rapprocher de Marie, Je me enrôlai, pauvre soldat / "Al fine di corteggiare Marie, ho arruolato nei ranghi"), ma lei respinge sprezzante. Tonio e Marie lasciano a parte, e la marchesa confessa la verità a Sulpice: Marie è sua figlia illegittima. In tali circostanze, Sulpice promette che Marie sarà d'accordo ai desideri di sua madre.

La duchessa e suo nipote arrivano e Marie entra con Sulpice, che le ha dato la notizia che la marchesa è sua madre. Marie la abbraccia e decide che deve obbedire. Ma all'ultimo momento i soldati del Reggimento tempesta in (coro: soldati, poi Tonio: Au secours de notre fille / "La nostra figlia ha bisogno del nostro aiuto") e viene rivelato che Maria era una ragazza mensa. Indignato, le foglie Duchessa, ma gli altri ospiti sono impressionati quando Marie canta del suo debito ai soldati: (Aria, Marie: Quand le destin, au milieu de la guerre / "Quando il destino, nella confusione della guerra, mi ha buttato, un bambino, tra le loro braccia "). La marchesa è profondamente commosso, ammette che è la madre di Marie, e dà il suo consenso a Marie e Tonio, tra gioia universale. (Coro finale: Salut à la France /! "Viva la Francia Per i tempi felici!"

Programma e cast

Opera di Stato di Vienna

Trasporti pubblici

Linee della metropolitana : U1 , U2 , U4
Tram : 1 , 2 , D , J , 62 , 65
Autobus : 59A
Stazione locale: Badner Bahn
Soste: Karlsplatz / Opera

Le fermate dei taxi sono disponibili nelle vicinanze.

Parcheggio

Il parcheggio è di soli € 6, - per otto ore !
La Wiener Staatsoper e la ÖPARK Kärntner Ring Garage su Mahlerstraße 8 , sotto il " Ringstraßengalerien " , offrono i patroni della Vienna State Opera una nuova , ridotta parcheggio . È possibile parcheggiare nel Kärntner Ring Garage per un massimo di 8 ore e pagare solo un forfait di € 6, - . Basta convalidare il biglietto presso una delle macchine di sconto all'interno della Wiener Staatsoper . Verrà addebitata la tariffa normale per il tempo di parcheggio superiore a 8 ore. Le macchine di convalida possono essere trovate presso i seguenti controlli cappotto : Operngasse , Herbert von Karajan - Platz , e le gallerie destra e sinistra e balcone .

Importante : per ottenere lo sconto , si prega di disegnare un biglietto e non usare la carta di credito quando si entra in garage!

Dopo la svalutazione il tuo biglietto in Wiener Staatsoper è possibile pagare comodamente con carta di credito o in contanti presso i distributori automatici .

Le macchine accettano monete e banconote fino a 50 - . Euro . Tempo di parcheggio più di 8 ore verrà applicata la tariffa normale.

 

Storia

 

La struttura del teatro è stata progettata dall'architetto viennese August Sicard von Sicardsburg , mentre l'interno è stato progettato da decoratore d'interni Eduard van der NULL. E 'stato anche influenzato da altri artisti importanti come Moritz von Schwind , che dipinse gli affreschi nel foyer , e il famoso ciclo di affreschi sulla veranda " Zauberflöten " ( " Flauto Magico" ). Nessuno dei due architetti è sopravvissuto per vedere l'apertura del ' loro' casa opera: il sensibile van der Nüll suicida , e il suo amico Sicardsburg morì d'infarto poco dopo .

Il 25 maggio 1869, il teatro ha aperto solennemente di Mozart DON GIOVANNI alla presenza dell'imperatore Francesco Giuseppe e dell'imperatrice Elisabetta .
La popolarità del palazzo è cresciuto sotto l'influenza artistica dei primi direttori : Franz von Dingelstedt , Johann Herbeck , Franz Jauner , e Wilhelm Jahn . L'opera Vienna conosciuto il suo primo punto alto sotto la direzione di Gustav Mahler . Ha completamente trasformato le prestazioni del sistema obsoleto , ha aumentato la precisione e la tempistica delle prestazioni , e anche utilizzato l'esperienza di altri artisti degni di nota , come ad esempio Alfred Roller , per la formazione di una nuova estetica stadio .

Gli anni 1938-1945 sono stati un capitolo buio nella storia del teatro . Sotto il nazismo , molti membri della casa furono cacciati , perseguito, e uccisi , e molti lavori non sono stati autorizzati per essere giocato .

Il 12 marzo 1945, il teatro fu devastata durante un bombardamento , ma il 1 ° maggio 1945, la " Opera di Stato nel Volksoper " ha aperto con una performance di Mozart LE NOZZE DI FIGARO . Il 6 ottobre 1945, i " Teatri an der Wien " in fretta restaurati riaperti con il Fidelio di Beethoven . Per i prossimi dieci anni, la Staatsoper di Vienna operato in due sedi , mentre il vero quartier generale era stato ricostruito a una grande spesa

Il Segretario di Stato per i lavori pubblici , Julius Raab , annunciata il 24 maggio 1945 , che la ricostruzione del Teatro dell'Opera di Vienna dovrebbe iniziare immediatamente . Solo la facciata principale , lo scalone e il Schwind Foyer erano stati risparmiati dalle bombe . Il 5 novembre 1955 il Teatro dell'Opera di Vienna ha riaperto con un nuovo auditorium e tecnologia modernizzato . Sotto la direzione di Karl Böhm , Fidelio di Beethoven è stato brillantemente eseguito , e le cerimonie di apertura sono stati trasmessi dalla televisione austriaca. Il mondo intero capito che la vita cominciava di nuovo per questo paese che aveva appena riacquistato la sua indipendenza .

Oggi, il Teatro dell'Opera di Vienna è considerato uno dei più importanti teatri lirici del mondo, in particolare, è la casa con la più grande repertorio . E 'stato sotto la direzione di Dominique Meyer, dal 1 settembre 2010 .

© Bwag/Commons
©
Eventi correlati