Fantasie barocche – Don Chisciotte al castello di Charlottenburg

Acquista biglietti
Gennaio 2022 Next
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Quando il poeta nazionale spagnolo Miguel de Cervantes diede vita al "cavaliere dal volto dolente" nel suo romanzo del 1605 Don Chisciotte, creò una figura della letteratura mondiale che rimane affascinante fino ad oggi. Anche in epoca barocca, questo capolavoro ha ispirato innumerevoli interpretazioni musicali. In questo programma – per la prima volta – la Berliner Residence Orchestra e la loro impavida direttrice Alexandra Rossman seguono il percorso dello sfortunato cavaliere e del suo ignobile destriero Rocinante attraverso un mondo di divertenti e fantasioso repertorio concertistico. Il fuoco spagnolo dell'opera di Luigi Boccherini incontra il burlesque di G.P. Telemann e la passione di Antonio Vivaldi. La Berlin Residence Orchestra, vestita con abiti barocchi storicamente autentici e esibendosi in un luogo maestoso, ti invita a seguirli in questo viaggio stravagante.

Cena principesca dai sapori mediterranei

Federico II amava la buona cucina. Lascia che il team del catering ti vizi con questo pasto di tre portate ispirato a tema prima del concerto, con una selezione di prelibatezze preparate con ingredienti locali e stagionali e servite nella magnifica atmosfera del castello di Charlottenburg.

Programma e cast

Sequenza del programma
Programma con cena

17:30 Ingresso alla cena
18:00 Inizio cena
19:30 Ingresso alla sala concerti
20:00 inizio concerto


Programma solo concerto senza cena

19:30 Ingresso alla sala concerti
20:00 inizio concerto

Palazzo di Charlottenburg

Palazzo di Charlottenburg


Il Palazzo di Charlottenburg fu costruito alla fine del XVII secolo come residenza estiva della regina Sofia Charlotte, da cui prende il nome. Il magnifico complesso del palazzo è circondato da un impressionante giardino barocco in cui si trovano il nuovo padiglione, il mausoleo e il Belvedere, che un tempo serviva alla corte come casa da tè. 


Oggi, il parco del Palazzo di Charlottenburg misura 55 ettari. I giardinieri originali crearono il paesaggio in stile francese, ma nel 1786 il loro lavoro fu convertito in un giardino all'inglese.

 

Oggi, il Palazzo di Charlottenburg non solo invita gli abitanti di Berlino e i turisti a passeggiare nei giardini e a godere di ogni tipo di eventi, ma ospita anche una collezione di opere architettoniche, capolavori del rococò francese e altre splendide opere d'arte - soprattutto del periodo romantico e del Biedermeier.

 


La Grande Aranciera


La Grande Aranciera del Palazzo di Charlottenburg, costruita tra il 1709 e il 1712, in origine serviva come dimora invernale per la collezione botanica di preziose piante di agrumi. Durante i mesi estivi, quando gli oltre 500 alberi di aranci e limoni adornavano il giardino barocco, l'Orangerie è stata una magnifica location per le varie feste della corte reale prussiana. 


Seguendo la tradizione della casa, oggi le sale da ballo della Grande Aranciera, opulente e luminose, continuano ad offrire una cornice festosa per banchetti, concerti ed eventi di ogni genere.

 

Ex Teatro di Corte (Museo)


Il classico teatro di corte a tre piani fu costruito nel 1788 all'estremità occidentale del Palazzo di Charlottenburg per presentare i momenti salienti delle feste di corte. 


Dopo la distruzione durante la seconda guerra mondiale, fu ricostruito solo l'esterno dell'edificio. Recentemente riaperto, l'ex teatro di corte è oggi un edificio contemporaneo, accessibile con sedia a rotelle. 


L'edificio ospita quattro ampie sale al piano terra e al primo piano con una superficie totale di presentazione di circa 1.200 metri quadrati che possono essere utilizzati per eventi.

 

Ala Nuova (Sala Bianca)


Questa aggiunta autonoma e più orientale al Palazzo di Charlottenburg fu quasi demolita durante la seconda guerra mondiale.


Oggi, l'ala nuova, in gran parte ricostruita, contiene due illustri sale da ballo, che normalmente possono essere visitate solo come parte di un tour museale: la magnifica Galleria d'Oro e la Sala Bianca, inaugurata personalmente da Federico il Grande nel 1742. 


Un tempo sala da pranzo e ora parte del museo, la Sala Bianca sfoggia un'atmosfera regale e un'acustica di prima classe.


Nelle altre sale dell'ala nuova si possono ammirare numerose opere d'arte, tra cui sculture classiche-romantiche e pittura francese.


Si prega di notare che la Sala Bianca NON è accessibile alle sedie a rotelle.

Eventi correlati