Carmen

Acquista biglietti
Aprile 2021
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Georges Bizet (1838 - 1875)
Opéra comique in quattro atti di Georges Bizet; Libretto di Meilhac e Ludovic Halévy, basato su una novella di Prosper Mérimée; Prima eseguito il 3 marzo 1875 a Parigi; Ha debuttato alla Deutsche Oper di Berlino il 11 maggio 1979; Versione riveduta il 8 mar 2008

Sensuale, offensivo e privo di ogni senso civico della moralità: CARMEN, la storia di Georges Bizet di un triangolo amoroso fatale, scandalizzato il pubblico al suo debutto al Paris Opéra Comique nel 1875 e ha trascorso anni a giocare ai piccoli, pubblico marginali come risultato - inimmaginabile oggi, il lavoro è il nome di famiglia fra opere. Il racconto di Carmen e Don José, al tempo stesso banale e esistenziale, si conclude con un inevitabile tragico omicidio. Assoluta necessità di Carmen per la libertà e la sua insistenza sui rapporti basato sulla completa indipendenza e l'uguaglianza fare il suo irresistibile per Don José, che tuttavia si dimostra incapace di tollerare la sua voglia di difendere la sua libertà. Una vittima del proprio desiderio, si è finalmente spinto a distruggere la sua amante e lui con lei.

Per trasmettere questo tragico materiale Bizet è riuscita a utilizzare il mezzo di un opéra comique che ci presenta con tutte le emozioni e le caratteristiche della condizione umana - leggerezza, grigiore, stupidità e pietrosità, seduzione e giocosità, crudeltà e destino. Di tutte le caratteristiche familiari del lavoro, forse il più noto è l'originale cubano »habanera« utilizzato dal lavoratore tabacco Carmen per attirare l'attenzione di Don José. La musica dell'opera, piena di melodie orecchiabili, è dominato da coreografie e ritmi spagnoli. Il selvaggio, romantico paese al di là dei Pirenei affascinato Georges Bizet, tra molti altri, e »Carmen« è oggi considerato l'opera centrale che esprime aspirazioni francesi per la loro sconosciuto, vicino idealizzato a sud. Nel 19 ° secolo Parigi questa rappresentazione operistica di amanti fatidici, con le sue sfumature erotiche e la sua tensione tra la devozione assoluta e libertà non diluito, poteva essere eseguita solo se i confini borghesi, sia spaziali e ideologici, erano state respinte.

Programma e cast

Opéra comique in quattro atti di Georges Bizet
Libretto di Meilhac e Ludovic Halévy,
basato su un romanzo di Prosper Mérimée
Rappresentata per la prima volta il 3 marzo 1875, a Parigi.
Presentato in anteprima al Deutsche Oper di Berlino il 20 gennaio 2018

Raccomandato da 14 anni in poi

In francese con sottotitoli in tedesco e inglese

3 ore 15 minuti / 1 intervallo di tempo


Direttore d'orchestra: Jordi Bernàcer

Direzione del palcoscenico: Ole Anders Tandberg

Scenografia: Erlend Birkeland

Costume design: Maria Geber

Design leggero: Ellen Ruge

Maestro del coro: Jeremy Bines

Coro di bambini: Christian Lindhorst

Coreografia: Senso della seta

Carmen: Yulia Matochkina

Frasquita: Meechot Marrero

Mercédès: Karis Tucker

Micaëla: Elena Tsallagova

Don José: Saimir Pirgu

Moralès: Thomas Lehman

Zuniga: Byung Gil Kim

Escamillo: Markus Brück

Remendado: Ya-Chung Huang

Dancairo: Matteo cosacco

Coro: Kinderchor der Deutschen Oper Berlin
Chor der Deutschen Oper Berlino

Orchestra: Orchester der Deutschen Oper Berlin

La Deutsche Oper Berlin

La Deutsche Oper Berlin è una compagnia d'opera situata nel quartiere berlinese di Charlottenburg, Germania. L'edificio residente è il secondo più grande teatro lirico del paese e anche la sede del Balletto di Stato di Berlino.

La storia dell'azienda risale agli Opernhaus Deutsches costruiti dalla città allora indipendente Charlottenburg-la "città più ricca di Prussia", secondo i piani progettati da Heinrich Seeling dal 1911. Ha aperto il 7 nov 1912 con una performance di Fidelio di Beethoven, condotto da Ignatz Waghalter. Dopo l'incorporazione di Charlottenburg dal 1920 Grande Berlino Act, il nome dell'edificio residente è stato cambiato a Städtische Oper (Municipal Opera) nel 1925.

Deutsches Opernhaus, 1912
Con il Machtergreifung nazista nel 1933, l'opera era sotto il controllo del Ministero della Pubblica dell'Illuminismo e Propaganda del Reich. Ministro Joseph Goebbels aveva il nome cambiato di nuovo al Deutsches Opernhaus, in competizione con il Berlin State Opera a Mitte controllato dal suo rivale, il prussiano ministro-presidente Hermann Göring. Nel 1935, l'edificio è stato ristrutturato da Paul Baumgarten e il salotto ridotta 2300-2098. Carl Ebert, il direttore generale della seconda guerra pre-mondiale, ha scelto di emigrare dalla Germania piuttosto che avallare la visione nazista della musica, e ha continuato a collaborare -ha trovato l'Opera Festival di Glyndebourne in Inghilterra. Egli fu sostituito da Max von Schillings, che ha aderito a emanare opere di "carattere tedesco puro". Molti artisti, come il direttore d'orchestra Fritz Stiedry o il cantante Alexander Kipnis seguiti Ebert in emigrazione. Il teatro fu distrutto da un raid aereo della RAF, il 23 novembre 1943. Spettacoli continuato al Admiralspalast a Mitte fino al 1945. Ebert restituito come direttore generale dopo la guerra.

Dopo la guerra, la società in quello che ormai era Berlino Ovest utilizzato il vicino edificio delle Theater des Westens fino a quando il teatro è stato ricostruito. Il design sobrio di Fritz Bornemann è stata completata il 24 settembre 1961. La produzione di apertura era Don Giovanni di Mozart. Il nuovo edificio inaugurato con il nome attuale.

© Günter Karl Bose
© Marcus Lieberenz
© Bettina Stöß
© Marcus Lieberenz
Eventi correlati