Carmen

Acquista biglietti
Gennaio 1970
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do

Trama

 

Atto I

Spagna. Il caporale cerca di attaccare discorso con Micaela, che sta cercando Don José, ma l'azione vera e propria inizia con una marcia che annuncia il cambio della guardia: alcuni bambini imitano le mosse dei soldati. Il caporale José dice al tenente Zuniga che, per quanto graziose siano le sigaraie della fabbrica, egli non ha occhi che per Micaela, sua sorella adottiva. Suona una campana: la folla di uomini anticipa l'arrivo delle operaie, che escono. L'elettricità della musica segnala l'uscita della zingara Carmen, bella sigaraia sospettata di contrabbando che diventa centro dell'attenzione generale. Canta una torbida Habanera (L'amour est un oiseau rebelle, L'amore è un uccello ribelle). Una citazione del motivo del fato la porta faccia a faccia con Don José, che non pare notarla. Carmen gli lancia un fiore e corre in fabbrica, lasciandolo a raccoglierlo proprio mentre torna Micaela; quest'ultima porta a José soldi e notizie di sua madre (Parle-moi de ma mère, Ah! Mi parla di lei) e assieme cantano un duetto ricco di incanto ma povero di passione. Urla dalla fabbrica. Qualcuno è stato accoltellato: da Carmen, si grida da una parte. Zuniga cerca di capire cosa sia successo, quindi invia José all'interno, che ne esce portando con sé Carmen; Zuniga ne dispone l'arresto. Rinchiusa in cella e legata, Carmen esorta José a lasciarla andare, perché, dice, egli è innamorato di lei (Près des remparts de Séville, Presso il bastion di Siviglia). José è indotto ad allentare i nodi e permette che la zingara si liberi dandogli una spinta e correndo via, aiutata dalla folla che trattiene i soldati.

 

Atto II

Siamo nell'osteria di Lillas Pastia, è trascorso un mese. Lì Carmen danza e canta con le amiche Mercedes e Frasquita (Les tringles des sistres tintaient, All'udir del sistro il suon). Entra Zuniga, che cerca di sedurre Carmen, ma viene interrotto dall'arrivo del torero Escamillo (Votre toast, je peux vous le rendre, Il tuo toast, posso rendere). Anche il torero si fa sedurre da Carmen, che però lo respinge. Confidandosi con le amiche, Carmen confessa di essere innamorata di Don José, che arriva subito dopo, appena rilasciato dalla prigione dove era stato portato per averla aiutata a fuggire. Lì Josè le confessa il suo amore (La fleur que tu m'avais jetée, Il fior che avevi a me tu dato), ma vengono interrotti da Zuniga, che esorta il giovane a tornare nell'esercito. Josè si ribella e si prepara al duello ma Carmen chiama in aiuto i contrabbandieri che li separano. Capendo che non può fare altro, José si unisce a Carmen e ai fuorilegge fuggendo dall'osteria (Là-bas dans la montagne, Vieni lassù sulla montagna).

 

Atto III

L'atto terzo si apre sulle montagne dove si trova il covo dei contrabbandieri. Carmen e José ormai litigano frequentemente e la loro relazione è agli sgoccioli. Le carte predicono a Carmen una morte vicina e a Josè lo stesso destino, poco dopo lei. Subito dopo, non vista, entra Micaela alla ricerca di don José. Arriva anche Escamillo e José, geloso del rivale, lo sfida a duello ma vengono divisi da Carmen che ormai è conquistata dal torero. Micaela viene trovata nascosta tra le rocce e annuncia a José che la madre è in punto di morte: egli la segue, ma giura vendetta a Carmen (Ah! Je te tiens, fille damnée, Mia tu sei alma dannata).

 

Atto IV

Plaza de toros a Siviglia, è il giorno della corrida e la folla attende Escamillo che entra trionfante nell'arena. Carmen è ormai di Escamillo e non si cura degli avvertimenti di Mercedes e Frasquita: Don José è nei paraggi. Ignorando i consigli delle amiche, Carmen lo incontra e José supplica Carmen di tornare con lui. Agli sprezzanti rifiuti di lei, José la minaccia ma lei gli getta addosso l'anello che le aveva donato mesi prima (C'est toi? C'est moi!, Sei tu? Son io!). La folla applaude Escamillo vittorioso mentre José, accecato dall'ira, uccide Carmen con una pugnalata e si consegna ai gendarmi.

Programma e cast

Squadra Creativa


Valentina Peleggi - Direttore d'orchestra

Calixto Bieito - Direttore

Joan Anton Rechi - Direttore Associato

Jamie Manton - Direttore del revival

Alfons Flores - Scenografo

Mercè Paloma - Costume Designer

Bruno Poet - Lighting Designer

Christopher Cowell - Traduttore


Getto


Justina Gringytė - Carmen

Sean Panikkar - José

David Butt Philip - José
(25 e 27 febbraio)

Ashley Riches - Escamillo

Nardus Williams - Micaëla

Keel Watson - Zuniga

Alex Otterburn - Moralès

Ellie Laugharne - Frasquita

Prezzo Samantha - Mercédès

Matthew Durkan - Dancairo

Elgan Llŷr Thomas - Remendado

London Coliseum

Il London Coliseum, chiamato anche Coliseum Theatre, è un teatro d'opera, situato a St. Martin's Lane,Westminster, Londra. Aperto nel 1904, è uno dei più grandi e meglio equipaggiati teatri londinesi, progettato dall'architetto teatrale Frank Matcham (ideatore anche del progetto del London Palladium) per l'impresario Oswald Stoll. La loro più grande ambizione era quella di collaborare assieme per costruire il più ampio e raffinato palazzo dedicato all'intrattenimento del pubblico e volevano renderlo il più ammirabile dell'epoca.
 

Storia
 

La performance d'inaugurazione consistette in un varietà, uno show con diverse esibizioni dal ballo, al canto, alla comicità, tenutasi il 24 dicembre 1904. Circa sette anni dopo, nel 1911, il drammaturgo W. S. Gilbert compose la sua ultima opera in questo posto.

 

Aspetto tecnico
 

Il dietro le quinte del palco cela diversi intrichi di gallerie e ponti sopraelevati per aiutare attori, presentatori e comparse ad apparire in vari livelli in scena.

 

TROVARE LONDRA COLOSSEO 

 

Metropolitana più vicina 

Charing Cross - 0,2 miglia 
Northern Line 
Leicester Square - 0,2 miglia 
Northern & Piccadilly Lines 
Covent Garden - 0,3 miglia 
Northern & Piccadilly Lines 
Embankment - 0,3 miglia 
Bakerloo, Circle, District e Northern Lines 


Fuori terra più vicina 

Charing Cross - 0,2 miglia 
Waterloo - 0,8 miglia 


Autobus più vicina 

3, 6, 9, 11, 12, 13, 15, 23, 24, 29, 53, 77a, 88, 91, 139, 159, 176 

Eventi correlati